Battesimo dei bambini mai nati, abortiti

Battesimo dei bambini mai nati, abortiti

Nel quaderno 1943 di Maria Valtorta, n. 1, in merito ai bambini mai nati, si legge: “… anche il più perfetto fra essi, trascina nel suo sacrificio scorie d’imperfezioni umane, di odii, di egoismi”, quindi, perché non pregare, o meglio, battezzare? Nostro Signore si è volontariamente sottoposto al battesimo di San Giovanni, destinato ai peccatori, per compiere ogni giustizia.

Ora, poiché chiunque, in caso di necessità, purché abbia l’intenzione richiesta, può battezzare, utilizzando la formula battesimale trinitaria, ricordiamo le parole del Vangelo: “Qualunque cosa chiederete al Padre nel mio Nome”, dice Gesù, “la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio…” ed ancora:  “Tutto quello che chiederete con fede nella preghiera lo otterrete”.(Mt.21, 22).

COME SI SVOLGE IL BATTESIMO DEI NON NATI

Fatti il segno della Croce nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo Amen. Ecco, l’occhio del Signore veglia su chi lo teme di generazione in generazione per liberarlo dalla morte nutrirlo in tempo di fame (queste parole sono il salmo 32, 18-19). Prega il Credo (Credo in un solo Dio, Padre onnipotente,  Creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo Signore, Gesù Cristo, unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli: Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, della stessa sostanza del Padre; per mezzo di lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo, e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, morì e fu sepolto. Il terzo giorno è risuscitato, secondo le Scritture, è salito al cielo, siede alla destra del Padre. E di nuovo verrà, nella gloria, per giudicare i vivi e i morti, e il suo regno non avrà fine. Credo nello Spirito Santo, che è Signore e dà la vita, e procede dal Padre e dal Figlio. Con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato, e ha parlato per mezzo dei profeti. Credo la Chiesa, una santa cattolica e apostolica. Professo un solo Battesimo per il perdono dei peccati. Aspetto la risurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. Amen.)
Poi prendi dell’acqua Santa (se non avete a disposizione dell’acqua benedetta va bene anche della comunissima acqua,
puoi versare dell’acqua in un recipiente), spargila in tutte le direzioni e di queste parole:A voi tutti che siete nati morti di giorno e di notte. Voi tutti che siete stati abortiti spontaneamente da vostra madre, a voi tutti che siete stati generati con PMA e che siete stati poi buttati via come immondizia o che siete stati usati per esperimenti, a voi bambini che siete nati e siete morti prima del battesimo, a voi adulti che siete morti senza il battesimo e che ora che avete visto l’aldilà scegliete di essere battezzati, e a voi tutti che siete stati uccisi nel corpo di vostra madre nel giorno o nella notte e che ancora verrete uccisi, affinché raggiungiate attraverso Gesù Cristo la vita eterna (e qui dà collettivamente il nome di battesimo, Maria, Giuseppe, Giovanni e il Santo del giorno), io vi battezzo nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo”. Non temere, perché io ti  ho riscattato, ti ho chiamato col tuo nome, tu sei mio (queste parole sono di Isaia 43,1).
Cantate al Signore un canto nuovo, perché ha compiuto meraviglie
(queste parole sono del salmo 97,1).
Alleluia, alleluia, alleluia!

Infine dì un Padre nostro (Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il Tuo nome, venga il Tuo Regno, sia fatta la Tua volontà, come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori e non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen), un’Ave Maria (Ave o Maria, piena di grazia, il Signore è con Te, Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del seno Tuo Gesù. Santa Maria madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen) e un Gloria al Padre (Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen). Per terminare il battesimo fatti il segno della Croce nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo Amen.

Dio farà scorrere l’acqua del battesimo sopra le testa dei battezzanti e darà ad ognuno il suo nome. Conforme la quantità dell’acqua santa, – intendimi bene e comprendi ciò che voglio – quante volte li battezzate, e non lo potete mai far abbastanza, così vi verranno donate le piccole anime alle quali avete aperto il cielo.
Il mio amore Misericordioso, l’amore sovrabbondante di mio Padre e del nostro Spirito Santo che si manifesta in questo tempo di confusione e sviamento è quello che ci spinge ad essere un Dio salvatore e misericordioso per i bambini uccisi. Ricordati sempre di questo nostro amore. Vivifica le tue parole del Credo e del Battesimo con le parole del salmo e di parole di riconoscente amore reciproco! Io ti aiuto! Perché le anime più semplici possono aiutare questi piccoli e possono battezzarli! Nota ancora una volta come Io lo desidero.

“Continua a diffondere le mie parole! Affrettati ad aiutare questi piccoli, il cui numero continua a crescere sempre più, prima che sia troppo tardi per loro e per voi. Il tempo stringe! Riconoscete il vostro tempo!”

Un’umile donna dei nostri giorni, della Germania, madre di parecchi bambini, ammirata per la sua eroicità di soffrire con gioia, una donna che per la coraggiosa accettazione del sacrificio e dei dolori offerti per la salvezza delle anime e a vanto della Santa Chiesa, riferisce queste sue esperienze:

– Ero seduta in tram vicino al finestrino e recitavo il rosario. Improvvisamente qualcosa si illuminò vicino me. Mi spaventai perché Gesù stava accanto a Me e mi disse:

“Guarda questo covo di assassini!”

Guardo a destra e a sinistra e dico: Signore, a destra c’è soltanto campagna. Forse ti riferisci a quest’edificio dove, sopra la croce illuminata, sta scritto: “Clinica ginecologica?”.

Gesù dice: “Si, proprio quella. Di questa ce ne sono tante e ne verranno costruite ancora. Prega per i medici e per i loro assistenti, specialmente per le madri che uccidono o fanno uccidere i bambini prima di venire alla vita. Durante la notte te ne parlerò più ampiamente”.

Durante la notte il Signore mi fa vedere un’orribile visione: vedo la terra coperta da piccolissimi cadaverini.

E’ così terribile che segno nelle mie annotazioni: vedo l’infanticidio di Betlemme ingrandito e moltiplicato di mille e milioni di volte. Piansi quando vidi questa orribile immagine.

Il Signore continuò: “Lo spirito immondo ha bussato a tutte le porte. La maggior parte gli sono state aperte. Guai a coloro che lo ascoltano! Verranno inabissati assieme alle loro case durante la notte nel pantano dei loro peccati.

Si sta piangendo presso le tombe, per la morte del proprio figlio unico, preso da Dio perché sua proprietà, ma per gli altri che si uccidono orribilmente non si piange! Sempre più si avvicina il tempo in cui si crede di fare un piacere a Dio e agli uomini uccidendo questi bambini; sia benedetta ogni casa nella quale abita un’anima che si offre in olocausto…”

Poi vedo nel firmamento innumerevoli teste di bambini. Io dico: “Signore, queste non sono teste di angeli!”.

Il Signore mi risponde: “Sono questi i piccoli ai quali fu tolta la vita. Saranno gli accusatori nel giudizio! Prega per i loro assassini affinché venga loro usata Misericordia nel Giudizio di Dio!”.

Io domando ancora: “Signore, perché mi hai fatto vedere tutto questo? Io so, questi non vedranno Dio”.

Gesù dice: “Maria tu hai un grande compito da svolgere. Questi piccoli riusciranno a partecipare alla visione di Dio…

Diffondi ciò che ti dico, anche fra i miei sacerdoti! Troverai incomprensioni, ma con il tempo si riconoscerà e si farà ciò che servirà alla gioia di questi piccoli.

Voi potete battezzarli!

L’eletta madre indicava come esempio dell’amore grande di Dio per gli uomini e per le loro anime immortali quanto sopra e aggiungeva alla suddetta nota un’altra esperienza e scrisse: io stessa ebbi una volta un aborto spontaneo di sei mesi; dato che la dottoressa mi aveva detto che il bambino sarebbe arrivato troppo presto, lo battezzai prima che morisse, e nel punto in cui era situata la testina dicevo. “Tu Dio buono, Tu lascia passare l’acqua del battesimo attraverso il mio ventre sul bambino”. La conferma la ebbi circa un anno più tardi; dopo due operazioni difficili, quando mi svegliai dalla narcosi, vidi accanto al mio letto un bambino piccolo. Domandai: “Chi sei, piccolo angelo?”

Sento: “Io sono il tuo Werner. Tu mi hai aperto il Cielo col battesimo. Io ho pregato per te affinché guarisca di nuovo. Per la tua gioia e per conferma della verità ho potuto presentarmi a te. Arrivederci, cara madre”.

Ecco alcuni modi di raccogliersi in preghiera

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.